UN NUOVO PIANETA – IL CAMP ESTIVO ALL’ARCI BELLEZZA

All’Arci Bellezza dal 15 giugno 2020 si va tra le stelle. Grandi sognatori, viaggiatori e provetti astronauti dai 6 agli 11 anni saranno i protagonisti del nostro Camp Estivo.

Attraverso giochi teatrali, laboratori di riciclo creativo e attività ludiche all’aperto una settimana esploreremo il cielo attraversando le costellazioni, e l’altra settimana percorreremo la terra imparando a rispettarla e a giocare con quel che sembra non servire più.

Con il naso all’insù ma i piedi ben radicati, insieme, scopriremo i miti, li inventeremo, ricicleremo, costruiremo buffi pupazzi per raccontare bellissime storie, e le storie in fondo sono di chi le racconta.

A CHI E’ RIVOLTO: a bambine/i e ragazze/i dai 6 ai 14 anni (con e senza disabilità).

COSTO: 120 euro a settimana (pranzo incluso)

Per maggiori info: claudio.minervino@arcimilano.it / cell. 331 4395287

Se vuoi invece già iscrivere la tua bambina/il tuo bambino, compila questo form https://forms.gle/rBUzx7kKDeRFLt4a7


PROGRAMMA

PRIMA SETTIMANA: QUAGGIÙ TRA LE STELLE

Questo campo estivo è per tutti i bambini. Se, oltre ad essere bambini, con la prerogativa del gioco, della corsa, della creatività amano anche le storie e le stelle… siamo a cavallo! Le storie daranno il via al nostro lavoro, alla nostra creatività. Potranno essere ascoltate, disegnate, immaginate in ogni forma possibile. Potranno essere agite utilizzando oggetti costruiti con semplici materiali e raccontate nel modo che più ci piace. Ma quali storie sceglieremo? Le più belle. Quelle che gli antichi hanno deciso di mettere nel cielo per non scordarle. Quella dell’Orsa… c’è! Quella di Cassiopea, regina vanitosa… c’è! C’è pure Perseo, l’eroe che sconfisse Medusa! E insieme a loro tanti altri personaggi da scoprire insieme. Ma le storie non sono fatte per star ferme… alla fine della settimana saranno i bambini a raccontarle dando un ordine e un senso agli esperimenti fatti durante i giorni del campo ma ancora più bello sarebbe se, in un contesto diverso, sotto un cielo vero, lontani dall’inquinamento luminoso di Milano, magari in compagnia di qualche amico, uno dei “nostri” bambini indicasse una stella e dicesse: “La conosco! Ma lo sapete che…” Sapersi perdere… nelle storie… tra le stelle… quaggiù. Nota: Come tutti sanno bisognerà stare lontani uno dall’altro. Anche le stelle sono lontane, lontanissime, tra loro. Gli uomini e le donne le hanno collegate formando meravigliose costellazioni. Cercheremo di fare lo stesso.

SECONDA SETTIMANA: UN PO’ DI RISPETTO, PER FAVORE!

Se nella prima settimana ci siamo dedicati ai miti e alle stelle, muovendoci in tempi e spazi non bene definiti, è tempo di tornare qui, al presente, sul nostro amato pianeta. Lo faremo con la modalità che ci è propria: il gioco, il divertimento ma anche l’attenzione e il rispetto per ciò che ci circonda. Così, questa volta, per raccontare e giocare inizieremo da qualcosa che forse non serve più, che sta per essere buttato via e invece… non parliamo di oggetti unti, sgocciolanti di grasso o taglienti ma di cose che offrono, in maniera semplice e immediata, delle possibilità: imballaggi, cordini, piatti, contenitori, barattoli, stracci… Trasformandoli, assemblandoli, incollandoli costruiremo dei pupazzi. E forse anche una casa. Poi li porteremo in giro, per farli vedere, perché saranno sicuramente bellissimi e una volta finita questa sorta di parata/sfilata i bambini daranno vita ai pupazzi perché anche loro (chi? I bambini o i pupazzi? Entrambi!) hanno qualcosa da dire. Ascoltiamoli: un po’ di rispetto, per favore!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: